Giulia Raponi

Giulia Raponi

@Pupi

LA MIA STORIA

Ho 36 anni. Questa è la short story dei miei ultimi 11 anni di vita. 26 anni: vivo sola da 3. Capisco che HO BISOGNO di un amore. Non so chi sono e cosa voglio ma cerco l’amore. Viaggio nella speranza di vedere la mia anima palesarsi con una formula magica per la felicità. In Terra Santa solo l’eco delle mie lacrime e dei click della mia Nikon. Cammino di Santiago: un sussulto al cuore. Qualcosa che risuonava in me in quel camminare selvaggio… ma ero troppo stupida e ahimè legata sentimentalmente all’uomo che avevo investito come mio salvatore. Il “salvatore” ha 22 anni in più di me. Un figlio. Avevo scambiato lucciole per lanterne, anzi no: lucciole per fari di camion! Io volevo un figlio, lui no. Io volevo una casa più grande, lui no. Io volevo (almeno) un cane, lui no. Io volevo un armadio per me, lui il suo ce l’aveva! Il culmine è stato raggiunto quando la sua bocca ha detto: "Non sei capace di essere moglie, non sei capace di essere madre" Passavo i weekend sul divano, raggomitolata come il cane che non avevo. 31 anni lo lascio. Conosco il mio attuale marito. Sbam! ci innamoriamo e inizio a stare male! Sudavo che neanche il 15 agosto sotto al sole a Riccione sulla passerella in spiaggia. Vampate che neanche l’umidità dell’India. Faccio gli esami: MENOPAUSA PRECOCE! Di fatto è una malattia di cui NESSUNO PARLA. Di fatto mi ritrovo a 32 anni con un marito super figo, triatleta e penso a cosa se ne farà di me?

COME MI SONO RICOMINCIATA

Dopo aver saputo che non potevo avere figli, almeno non con i miei ovuli, è rimasto. Voleva me, a prescindere da tutto lui amava proprio me. Da dove ho ricominciato? dal riconoscere quanto valgo! Abbiamo poi provato con l’ovodonazione, sapete perchè si chiama così? Perchè è a tutti gli effetti una vera e propria donazione…di euri 🙂 Scherzo naturalmente…Comunque è andata male. Ci siamo sposati e abbiamo capito qual è la nostra missione. Riavvicinare l’uomo alla natura, ai miti e alla leggende dei luoghi che visitiamo. Le radici dell’umanità si basano su storie antiche che sono andate perse che raccontiamo sul nostro blog. Presto avremo un luogo tutto nostro nel cuore dell’Appennino Modenese (adesso non esiste ancora eh?!, ma c’è il progetto) dove ospitare le persone e vivere con loro delle esperienze in natura. Preparare olii naturali, meditare all’ombra degli alberi e ristabilire antiche connessioni. Da dove ho ricominciato? Dalla Natura! E’ stato un crescendo, 4 anni di casualità che hanno unito prima me e mio marito, poi tutto ciò che stiamo costruendo. Sembra un disegno. Come è possibile? Riconoscendo l’amore. Tornando alla gentilezza. Piccoli passi silenziosi che prendono origine da un passato dimenticato per costruire un futuro fatto di ossigeno, amore per la Madre Terra e una rivoluzione gentile. Costruire questo piccolo luogo è un’azione molto femminile, è accoglienza e creazione di idee e progetti. Sarò finalmente madre.

Inizia a scrivere e premi Enter per avviare la ricerca

Carrello

Nessun prodotto nel carrello.