Giorgia Edvige Garrone

Giorgia Edvige Garrone

@giorgia edvige.garrone

LA MIA STORIA

1. Quando a 25 anni mia madre il giorno del mio compleanno mi ha detto: "tuo padre in realtà non è morto in un incidente stradale, si è ucciso". 2. Quando ho comunicato in ufficio che mi stavo per sposare e la mia capa mi ha detto: "ma perché lo fai?" 3. Quando poco dopo mi sono licenziata perché lavorare per altri 14-16 ore al giorno non faceva più per me, la mia capa mi ha detto "Non è per questo che ti sei licenziata. Vuoi stare a casa a fare altro". 4. Quando dopo la prima gravidanza ho preso 21 kg. Quando dopo la seconda ne ho presi 16. 5. Quando dopo 10 anni di lavoro in comunicazione ho perso la passione per quello che stavo facendo. 6. Quando mi hanno diagnosticato un tumore. "35 anni e due figli" recitava la mia cartella medica. Avrei aggiunto 35 anni, 2 figli e una vita che amo alla follia. Ma forse alla vita glielo dovevo urlare forte, ancora più forte, quanto la amassi e così...

COME MI SONO RICOMINCIATA

1. Sono andata in terapia. 2 e 3. Mi sono sposata e ho cambiato lavoro per averne uno con più responsabilità e orari più umani, forse. 4. Ho preso un personal trainer e sperimentato un’alimentazione nuova: quella del mangio ciò che mi pare e che mi fa stare bene. Ho perso tutti i kg che avevo preso. Ad oggi perdere peso rimane la battaglia più difficile che sto affrontando. 5. Ho aperto un blog dove ho iniziato a raccontare dei ricominciamenti di altri, anche se allora non li chiamavo così: racconto le storie di chi ha fatto del proprio lavoro una professione. Il blog l’ho aperto con mia figlia di due mesi. La allattavo di notte e scrivevo. Mi sono messa in proprio aprendo la partita iva e ho creato un nuovo servizio per i clienti che permettesse di raccontare della propria storia come professionista prima ancora di raccontare il prodotto o il servizio, L’ho chiamato storytelling professionale. 6. Ho preso instagram e l’ho iniziato ad usare come strumento per raccontare me, il mio lavoro e ciò che amo in ordine sparso. Comunica ciò che ami sarai magnetic* è il mio ultimo mantra. E alla fine della giornata ciò che conta è che sono soddisfatta di tutto ciò che ho fatto. E adesso faccio solo ciò che amo fare. E così ricordo alla vita quanto la amo e gli altri lo sentono. Ed è contagioso. Magnetica, mi chiamano. E tutto torna, no?

Inizia a scrivere e premi Enter per avviare la ricerca

Carrello

Nessun prodotto nel carrello.