Gioia Pellattiero

Gioia Pellattiero

@gioia.pellattiero

LA MIA STORIA

Mi chiamo Gioia "di nome e di fatto" dicono quelli che mi incontrano ora, inconsapevoli di quanta sofferenza c’è dietro al sorriso che amano tanto. Sono caduta tante volte e, un po’ alla volta ho lasciato che la mia autostima andasse a pezzi. Sono stata rifiutata, aggirata e in un caso cornificata, per problemi economici non ho mai potuto vivere il mio sogno di vivere di scrittura e, purtroppo, sono morte alcune persone care e significative della mia vita. Il momento più impantanato di tutti è stato circa due anni fa, abitavo in centro con la mia migliore amica, il che faceva molto Friends e lavoravo in una scuola di moda (di solito qui tutti dicono WOW). Da fuori poteva sembrare una cosa fighissima, ma il punto è che non ero felice. Parlavo solo del lavoro che non mi piaceva, non ero economicamente appagata e la mia creatività era stata sepolta. Mi limitavo a lavorare e uscire. Quando uscivo mi sentivo in imbarazzo, come se tutti notassero che non ero abbastanza. Non ero abbastanza bella, ricca, simpatica e neppure abbastanza interessante. Mi sono sentita bloccata: avrei preferito scappare, ma mi sentivo immobilizzata. Restavo sentendomi gonfia, goffa, non meritevole. Per recuperare un po’ di coraggio bevevo e fumavo, così mi davo un tono, ma le persone non mi guardavano nel modo che avrei voluto. Non ero per niente felice.

COME MI SONO RICOMINCIATA

Volevo scrivere per lavoro ma non avevo i contatti giusti, volevo specializzarmi all’università ma, dovendomela pagare da sola mi sono fermata alla triennale, volevo scrivere ma mi sentivo incapace di farlo, volevo innamorarmi ma non mi fidavo più di nessuno, volevo conoscere nuovi amici ma non sapevo nemmeno dove trovarli, dal momento che già frequentavo i posti in voga tra i miei coetanei. E allora cosa ho fatto? Ho preso il telefono e mi sono lamentata con mia cugina, che però io chiamo Sister. Una cosa sbagliata, ma con la persona giusta. Lei non mi ha detto parole dolci e di conforto ma mi ha detto: “Smettila di concentrarti su quello che vuoi sembrare agli altri e torna a pensare a chi sei veramente e a quello che interessa veramente te”. A me, nel profondo, interessava fortemente la scrittura e così mi sono iscritta ad un corso di scrittura creativa. È stata la scelta migliore che potessi fare. Non solo ho imparato tantissimo e sono migliorata molto nella scrittura, ho letto i miei scritti davanti ad un gruppo di persone che poi sono diventati amici e, infine, mi sono innamorata di Marco, un mio compagno di corso, la mia anima gemella. La scelta di seguire la mia passione ha fatto scattare una molla che ha scatenato un’ondata di cambiamenti positivi. Ho persino avuto il coraggio di lasciare il lavoro: ora sono freelance Content Creator e Social Media e sto scrivendo il mio romanzo.

Inizia a scrivere e premi Enter per avviare la ricerca

Carrello

Nessun prodotto nel carrello.