Francesca Roncetti

Francesca Roncetti

@Francesca

LA MIA STORIA

Sono Francesca e ho 42 anni. Ho alle spalle un percorso fatto di pernacchie da parte della vita, alla quale ho sempre e dico SEMPRE risposto nel modo meno opportuno. Come tutte noi, ho vissuto malattie in famiglia (mamma campionessa mondiale di tumori nonchè highlander ufficiale, 5 maligni, una tetta e un polmone in meno, ma è ancora con me) e qualche piccolo incidente personale. Come tutte ho fatto scelte sbagliate in fatto di uomini, a 18 anni ho preso il mio primo schiaffo, seguito da 4 anni di botte perchè sono dura ad interpretare gli stronzi e perchè sono ostinata come le macchie d'unto. A 22 anni ho incontrato un uomo davvero carino, che non mi sono più fatta scappare e che, visto che stira meglio di me e che fa tutto con una dovizia di particoari incredibile, è diventato anche il genitore 1 delle mie figlie. Il lavoro mi rappresenta e la svolta è arrivata a Marzo 2018, quando sono stata intervistata dal New York Times: il mio unico merito è stato quello di aver sempre fatto Network e di credere tanto nelle donne.

COME MI SONO RICOMINCIATA

Avevo lasciato il mio lavoro full time e a TI (che significa a Tempo Indeterminato) per andare a vivere in Australia con marito efiglie. Dopo una vita con i piedi per terra e un po’ di schiaffi, avevamo bisogno di aria. Il progetto è più o meno naufragato e dopo 9 mesi eravamo di nuovo a casa, in Italia. Quello che per molti è stato un fallimento per me è stata un’opportunità per ricominciare. Da me. Il disagio della corsa sfrenata e l’unico appoggio dell’unico sistema di welfare che funziona in Italia ( i nonni) mi avevano sfiancata. Per un anno ho fatto la casalinga (che parola terribile per qualcuno) e ho annusato il collo delle bambine per 5 minuti in più ogni mattina. E mi sono formata. Ho partecipato a corsi e colto opportunità. Nel 2018 ho iniziato il mio lavoro dei sogni per un’azienda fighissima occpandomi di empowerment della genitorialità. E’ durato poco il progetto su Roma e dopo 9 mesi ero da capo, ma il lavoro è arrivato in fretta, ma in un’altra città. Genitore 1 mi ha detto “vai” e 3 gg a settimana ho vissuto a Firenze. Nel frattempo mi sono iscritta all’Università (forse il giorno del 9muse avrò finito gli esami, ne ho due entro fine ottobre) e a settembre 2019 è arrivata un’altra opportunità professionale, No, non è LinkedIn, ma quando provieni da una famiglia umile e devi smettere di studiare per portare i soldi a casa, il vaoro costituisce una parte della mia impalcatura. A febbraio mi laureo, e poi ricomincio qualche altra cosa o qualche altra me.

Inizia a scrivere e premi Enter per avviare la ricerca

Carrello

Nessun prodotto nel carrello.