Donatella Pedde

Donatella Pedde

@la_sgarba

LA MIA STORIA

Nasco in un paesino in Sardegna, ricco di cultura ma anche di pregiudizi. Sono stata la prima figlia di divorziati. Mamma rivoluzionare mi ha cresciuto libera e fiera nonostante di sofferenze causa bullismo. A 7 anni a causa di un incidente al mare ho il primo incontro con la morte. Divento empatica e altruista, non basta per farsi accettare dal prossimo. L'insicurezza causa discalculia a scuola fanno si che pensino che non sarei andata avanti. A 18 anni parto per un progetto scolastico in Spagna, mi si apre il cervello, nuovi suoni, colori, sapori e nuovi modi di vivere. Parto sola e torno invasa di pensieri. Dopo una relazione tossica deciso di mollare. Rompo l'unione, mi operano in faccia e mi diplomo. Ero morta, non avevo niente. Sbatto, spingo e decido di andare a studiare in Toscana. Dovevo studiare arte, quell'arte che prima non avevo studiato perché "piccola" per viaggerà in città più grandi. Contro tutti, parto appoggiata da mia madre. Essere fuori sede mi ha reso forte, indipendente a livello personale. Ho avuto giorni si e mesi come l'inferno, nemmeno la violenza fisica del mio ex mi hanno fatto retrocedere. Nemmeno un anno per dare un esame. Io non mollo. Voglio arte nella mia vita, sono nata per quello.

COME MI SONO RICOMINCIATA

Dovevo evadere, ingrandire i miei orizzonti. Vincere l’ansia, il panico e vivere sola. Ce l’ho fatta. Ora prossima alla laurea, con una bozza di tesi che si occuperà dei furti d’arte in italia. Io voglio un mondo di arte, il bello vince su tutto anche sulla morte.

Inizia a scrivere e premi Enter per avviare la ricerca

Carrello

Nessun prodotto nel carrello.