Cristina Bulgarelli

Cristina Bulgarelli

@bulgarellicristina

LA MIA STORIA

A 30 anni ero addetto stampa alla Camera dei Deputati, mi stavo avvicinando sempre più al sogno di diventare una parlamentare, avevo un’idea altissima della politica, lavoravo sodo e studiavo nei ritagli di tempo per continuare a migliorare. Avevo un mini appartamentino al Colosseo e uno stipendio super per una trentenne. Viaggiavo in tutta Italia alla scoperta delle mille sfaccettature - di estremo degrado o massima levatura - di questo paese. Poi è andato tutto veramente storto. Non sono stata alle regole del gioco. Mi sono ritrovata senza lavoro, a fare gli scatoloni in quattro e quattr’otto, l’unica a non avere il contratto rinnovato. Sono ritornata a Torino. Single e con un mutuo, dovevo spicciarmi a trovare un nuovo lavoro e non ho trovato altro che una ditta di ascensori. Timbravo la cartolina per entrare alle otto della mattina alla periferia nebbiosa della città e mi occupavo di recupero crediti e gestione delle lamentele. Ho sperimentato la depressione e per la prima volta ho vissuto un attacco di panico.

COME MI SONO RICOMINCIATA

Sono poi riuscita a rientrare in politica, in un ruolo simile al precedente, gli stessi sogni e persino lo stesso stipendio di prima ma non è questa la rinascita… perché dopo qualche anno mi è nuovamente ricapitata la stessa cosa: ero di nuovo l’unica a cui non veniva rinnovato il contratto di lavoro. C’era una lezione che non riuscivo a imparare. Questa volta però non ero più da sola: mio marito mi ha incoraggiata a prendermi un momento di pausa, fare quello che veramente mi piaceva e scavare dentro. Ho fatto dei corsi di restauro e relooking di interni e imparato l’arte di dare nuova vita ai mobili. Ho iniziato a fare un lavoro umile e contemplativo, in cui mi sporcavo le mani e la faccia ma, alla fine della giornata, sentivo di aver creato qualcosa di nuovo, di bello e di utile a qualcuno. Ho creato l’Atelier des Pampilles, un laboratorio artigianale in cui io e la mia socia Sara teniamo corsi e trasformiamo i mobili e le case delle persone. Giunte al quarto anno, finalmente stiamo guadagnando uno stipendio, lo stesso di quando ero alla Camera! E la lezione che non capivo è: sii te stessa e pensa a cambiare te.

Inizia a scrivere e premi Enter per avviare la ricerca

Carrello

Nessun prodotto nel carrello.